........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 

Tre sfumature di Thailandia per il Capodanno griffato KiboTours #adessonewsitalia

[]

Tre mood differenti per altrettante sfumature di divertimento da vivere in Thailandia. La destinazione best seller di KiboTours torna con una proposta di Capodanno davvero speciale per il 2023. A partire dalla classica accoppiata Bangkok più Phuket, dedicata a chi vuole trascorrere una vacanza dove protagonista è il relax. Le prime tre notti si soggiorna all’hotel Manhattan della capitale, con tempo libero a volontà per esplorare la grande metropoli. La seconda parte del viaggio, sei notti, si trascorre all’hotel Old Phuket di Karon Beach, situato nella zona meridionale dell’isola. I servizi sono di pernottamento e prima colazione, con la cena di Capodanno inclusa, come tutti i trasferimenti e l’assistenza KiboTours. Il prezzo parte da 2.290 euro a persona, dal 27 dicembre 2022 al 6 gennaio 2023.

Pensata per chi vuole scoprire qualcosa di più, la combinazione minitour e Phuket prevede quattro notti itineranti con il tour Storia e natura diviso come pernottamenti tra Bangkok e Kanchanaburi. Il viaggio prevede visite con guida tra le principali attrazioni della capitale. Spostandosi verso Kanchanaburi si ha  poi modo di visitare il caratteristico mercato galleggiante di Damnoen Sadouak e il celebre river Kwai. Nel paesaggio naturale delle cascate Sai Yok è prevista la possibilità, a pagamento extra, di esperienze con i nobili elefanti del Siam e di soft rafting su di una zattera. Rientrando a Bangkok è prevista inoltre una tappa ad Ayutthaya, l’antica capitale del regno di Siam, sede del parco archeologico patrimonio dell’umanità Unesco. Le altre cinque notti si soggiorna infine all’hotel Kata Palm Resort e Spa, situato su Kata Beach. I servizi sono di pernottamento e prima colazione, con la cena di Capodanno inclusa, come tutti i trasferimenti e l’assistenza KiboTours. Il prezzo parte da 2.890 euro a persona, dal 27 dicembre 2022 al 6 gennaio 2023.

Ancora più dinamica, infine, la terza opportunità proposta da KiboTours, riservata a chi adora il mare. In questo caso si comincia la vacanza con due notti all’hotel Sukosol di Bangkok, per poi spostarsi al Saii Phi Phi Island Village, sulle omonime isole dell’arcipelago di Phi Phi Island, che hanno ospitato il set del film The Beach con Leonardo di Caprio. Si soggiorna qui per tre notti, per poi spostarsi a Phuket, soggiornando nel 5 stelle Saii Laguna per le ultime quattro notti. I servizi sono di pernottamento e prima colazione, con la cena di Capodanno inclusa, come tutti i trasferimenti e l’assistenza KiboTours. Il prezzo parte da 3.390 euro a persona, dal 27 dicembre 2022 al 6 gennaio 2023.

Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434386 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo un’estate in cui è stato riscontrato un raddoppio delle prenotazioni totali di ville e casali di pregio sul 2021, insomma, anche i primi indicatori sulle prossime vacanze natalizie fanno ben sperare. Sarà sicuramente un anno caratterizzato dai last minute, con soggiorni brevi e ricerca di maggiore flessibilità. Sono questi i primi segnali dall’Osservatorio di Emma Villas, azienda leader italiana nel settore del vacation rental (ossia affitti brevi di ville e tenute di pregio con piscina privata), sulle tendenze dei vacanzieri in vista delle imminenti festività natalizie. Il dato conferma la grande prevalenza degli italiani rispetto ai turisti stranieri, un fenomeno registrato già negli ultimi anni (per questo periodo dell’anno almeno un 80% delle prenotazioni proviene proprio dall’Italia). Stando ai primi numeri, 4 turisti su 5 sono italiani (38% residenti al Nord, 50% al Centro, 12% al Sud). Provengono soprattutto dal Lazio (in primis i romani per la loro voglia di evadere dalla città) e dalla Lombardia, con in testa i milanesi. Le regioni più scelte per trascorrere gli ultimi giorni dell’anno? Al primo posto c’è la Toscana, seguita da Umbria e Liguria. Gli abitanti del Bel Paese che stanno facendo questa scelta puntano su dimore di pregio per stare in famiglia, all’insegna del relax, anche se non mancano all’appello le coppie o i giovani. La voglia di stare insieme si traduce, soprattutto, nella richiesta di comfort quali l’ampio salone o soggiorno, un camino con legna in dotazione e spazi interni ludici come le sale biliardo oppure le aree benessere. «La villa sta diventando sempre di più la destinazione e il luogo ideale dove costruire ricordi unici, come quelli legati alle festività del Natale o Capodanno – spiega Giammarco Bisogno, Fondatore e CEO di Emma Villas srl – Si tratta di strutture con standard qualitativi alti: campi da tennis, aree benessere, sale hobby, a disposizione esclusiva del gruppo di ospiti e che consentono di accogliere famiglie o piccoli gruppi nella massima sicurezza e privacy. Ecco perché queste tipologie di residenze sono sempre più scelte come luogo dove trascorrere le vacanze. Un trend positivo che abbiamo già registrato quest’estate, malgrado le preoccupazioni dovute ai rincari. Siamo felici quindi che sempre più connazionali scelgano le nostre strutture, una conferma che ci rende orgogliosi del nostro costante sforzo per rendere le strutture Emma Villas location uniche, che offrono la possibilità di ospitare più di una famiglia e rappresenta la scelta ideale per coloro che desiderano coccolarsi nei comfort e festeggiare in serenità». [post_title] => Natale e Capodanno, per Emma Villas le più richieste sono Toscana, Umbria e Liguria [post_date] => 2022-11-18T13:18:35+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668777515000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434377 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Trento Tempo di bilanci per il turismo nel Trentino. Quasi tre milioni di arrivi e 11,5 milioni di presenze nell’estate 2022 nella regione. Sono questi i numeri presentati, in conferenza stampa, dall’assessore al turismo della provincia di Trento, Roberto Failoni, e dall’amministratore delegato di Trentino Marketing, Maurizio Rossini, sulla base dei dati Ispat. «È giusto parlare di stagione lunga: i dati vanno dal 1/o maggio al 31 di ottobre ed evidenziano un leggero aumento rispetto all’estate 2021, in cui si era investito nel turismo di prossimità, e un incremento dei turisti stranieri (un milione in più rispetto all’anno precedente)», ha detto Failoni. Per la precisione, vi sono stati 2.834.940 ospiti e 11.498.303 presenze certificate. Rispetto al 2019, definito da Rossini “anno record”, c’è un +6% degli arrivi e un +5% di presenze, mentre rispetto al 2015 si parla di un +29% degli arrivi) e un +20% delle presenze. «C’è stato un ritorno molto robusto su tutte le aree lacustri, lago di Garda in primis, ma non solo. È stato un anno record sia per presenze internazionali, che ammontano a 4.540.698, sia per gli ospiti italiani, che sono stati 6.957.605», ha detto Rossini. Il prossimo fine settimana prenderà invece il via la stagione invernale, con l’apertura dei Mercatini di Natale di Trento. «Ci auguriamo che le previsioni del tempo, che prevedono una nevicata la prossima settimana, possano dare il la agli arrivi», ha aggiunto Failoni. [post_title] => Trentino: 3 milioni di arrivi durante l’estate 2022 (11,5 mln di presenze) [post_date] => 2022-11-18T12:01:44+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668772904000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434360 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il risparmio energetico è un’urgenza per gli albergatori; una priorità al pari della soddisfazione degli ospiti. Lo dichiarano sette strutture italiane su dieci tra quelle interpellate dal gruppo It Vda-Telkonet per il suo report Tecnologie nel settore dell’ospitalità 2023. La parola chiave è ottimizzazione, con una particolare attenzione ai processi operativi interni, per restituire valore al lavoro dei dipendenti risparmiando tempo e consumi. Gli albergatori italiani dichiarano di voler accedere a fondi pubblici e alle risorse del Pnrr soprattutto per rinnovare il proprio impianto tecnologico (78%). Guardando poi alla soddisfazione e al benessere dell’ospite, il 70% degli albergatori sostiene che, dopo la riduzione degli sprechi, è la tecnologia il fattore chiavo, contemplando sempre di più il trend in crescita del viaggiatore consapevole. Infine, si passa ai must-have tech in camera e l’interactive tv si rivela irrinunciabile (53%). L’indagine individua quindi le tre principali soluzioni tecnologiche preferite dagli albergatori per rispondere agli obiettivi prioritari di energy saving e guest satisfaction. Per l’83% dei partecipanti è il property management system (pms) lo strumento più apprezzato, perché consente la gestione centralizzata delle prenotazioni e dell’intero soggiorno degli ospiti da un’unica piattaforma. Subito dopo troviamo i sistemi di risparmio energetico (ems) al 78% e le soluzioni di gestione camera (grms) al 43%, che gli ospiti ritrovano sotto forma di placche a parete e termostati, in grado di controllare temperatura e luci. Se da un lato i sistemi green tech sono molto apprezzati dagli albergatori, perché consentono di gestire i consumi in base all’occupazione di camera, all’esposizione dell’edificio o al tasso di umidità esterno, dall’altro nell’indagine emergono le insidie operative che ne scoraggiano l’utilizzo. Tra queste troviamo la difficoltà di integrazione tra le diverse soluzioni tecnologiche (73%) e la manutenzione degli apparati che non possono essere gestiti in-house (43%). “Vogliamo creare consapevolezza su un buon utilizzo della tecnologia capace di migliorare le relazioni tra le persone e l’ambiente circostante – spiega il ceo di Vda-Telkonet, Piercarlo Gramaglia -. Ci troviamo di fronte a un’epoca di cambiamenti con l’urgenza di avere i consumi sotto controllo. Il mondo sta mutando così come i viaggiatori, oggi sempre più responsabili. Ed è per questo che, accanto al lavoro di monitoraggio del livello tecnologico delle strutture, abbiamo iniziato un racconto di viaggio con il progetto Bright Journey, per descrivere come la sostenibilità in hotel passi anche dall’utilizzo della tecnologia e per far sì che gli stessi hotel diventino una smart destination”. [post_title] => Indagine Vda-Telkonet: la parola chiave per la tecnologia in hotel è ottimizzazione [post_date] => 2022-11-18T11:26:08+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668770768000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434323 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo Blunet, con la recente integrazione di Via con Noi, è tempo del corporate travel di Cisalpina Tours, che ha iniziato un ambizioso programma di internazionalizzazione. Già partito con l’apertura del primo ufficio in Turchia, sarà seguito a breve da altri sviluppi a New York, in Brasile, in Sud Africa, in Francia, nel Regno Unito, in Germania, in Spagna e a Cipro. “Il tutto solo fino al prossimo maggio. Poi vedremo. E per il 2024 pensiamo anche all’Estremo Oriente”. E’ un fiume in piena il ceo del Gruppo Bluvacanze Domenico Pellegrino, che snocciola con entusiasmo progetti e investimenti della propria compagnia: “E’ finito il tempo della resilienza. Ora inizia quello della competizione positiva”. L’integrazione di Via con Noi funzionale allo sviluppo al Sud  Anche l’integrazione di Via con Noi nel network per affiliazioni Blunet risponde a una logica di visione di lungo periodo, piuttosto che a un mero calcolo opportunistico: “La nostra reta, composita e articolata, aveva inizialmente una caratterizzazione prettamente settentrionale – racconta Pellegrino -. Da qualche tempo, però, avevamo intrapreso un percorso di espansione al Sud, che l’integrazione di Via con Noi va ulteriormente a rafforzare”. Una strada che si interseca anche con l’apertura della nuova sede Going a Napoli: “Abbiamo acquisito uno spazio di 790 metri quadrati destinato ad accogliere le varie attività del nostro gruppo. A partire dal nuovo team corporate travel griffato Cisalpina, che ha appena completato un’importante operazione di recruiting territoriale proprio al Sud”, rivela sempre Pellegrino. Fatturato 2022 del gruppo a -30%-35% rispetto al 2019 Tutte iniziative che si inseriscono in un contesto di ritrovata fiducia, rafforzata anche dai numeri di un 2022 positivo, nonostante le tante sfide di un anno davvero complesso: “Siamo partiti con la variante Omicron – racconta Pellegrino -. Poi a febbraio è scoppiata la guerra in Ucraina. Infine c’è stato il caos dei voli in piena alta stagione. A fronte di ciò siamo comunque riusciti a registrare un fatturato leisure del 30%-35% inferiore all’anno pre-Covid 2019, che tutto sommato è un risultato lusinghiero. E per alcune linee di business è andata ancora meglio: Going ha raddoppiato il giro d’affari pre-Covid, mentre il corporate travel di Cisalpina è arrivato a quasi il 97% dei livelli raggiunti tre anni fa”. Il corporate travel è cambiato: si viaggia di meno ma si spende di più Un dato per molti versi sorprendente, visto che molti davano ormai per defunto il segmento dei viaggi d’affari, dopo la proliferazione di riunioni, incontri e meeting online del biennio pandemico. “Certo, le dinamiche sono cambiate – rivela il ceo di Bluvacanze -. Il numero delle trasferte è diminuito, ma i viaggi sono più complessi e articolati, spesso dotati di budget superiori rispetto a prima. Noi poi abbiamo cercato di puntare su una clientela corporate di carattere internazionale, meno legata alle stagionalità”. Al mercato manca oggi all’appello circa il 20% delle agenzie Alla fine di anni tanto difficili, la luce si comincia insomma davvero a intravedere: “Per i primi sei mesi del 2023 rimarremo probabilmente ancora leggermente sotto ai numeri del pre-Covid, ma nella seconda parte dell’anno ritorneremo in linea e in generale i prossimi 12 mesi si aprono sotto le migliori prospettive”, sottolinea Pellegrino. Il mondo della distribuzione nel frattempo è ovviamente cambiato: “Al mercato manca oggi all’appello un 20% circa di agenzie – conclude il ceo -. Si tratta soprattutto di chi era già in difficoltà tre anni fa, o di chi semplicemente ha deciso di abbandonare il settore. Le adv che sono rimaste, però, hanno tirato fuori un’energia e una grinta sopite da tempo. Oggi ci interfacciamo con agenti estremamente reattivi, tanto che i nostri programmi di training vedono partecipazioni straordinarie. Per non parlare della nostra recente convention sulla Msc Bellissima, che è stata un vero successo”. [post_title] => Pellegrino, Bluvacanze: “Il tempo della resilienza è finito. Ora si riparte” [post_date] => 2022-11-18T09:15:48+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668762948000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434307 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuova partnership tra viaggigiovani.it e viaggiaconcarlo.com, che hanno deciso di condividere il booking, pur lasciando perfettamente integri itinerari, programmazione, stile, modus operandi e, soprattutto, le guide e i referenti locali delle due rispettive realtà. Unico referente anche per la gestione della comunicazione: Open Mind Consulting aggiunge infatti anche Viaggigiovani alla collaborazione che dura già da anni con Viaggiaconcarlo. “Nostro principale obiettivo, fin dalla nostra fondazione, che risale al 2008, è stato quello di trasformare il costo del viaggio in valore aggiunto – spiega il titolare di viaggigiovani.it, Nicola Moltrer -: garantire sempre un plus e assecondare i nostri clienti in ogni necessità”. “Abbiamo portato per anni migliaia di persone nei luoghi più remoti ed estremi della Terra – gli fa eco il titolare di viaggiaconcarlo.com, Carlo Mamberto -, dando loro non solo ricordi da raccontare ma esperienze che in molti casi li hanno trasformati, lasciando tracce profonde in ognuno di essi. È questo il risultato migliore che chi fa il nostro mestiere possa sperare”. Oltre 70 le destinazioni raggiunte tra entrambi i brand, proposte su base individuale e per piccoli gruppi, declinate in ottica green e responsabile, per preservare usi e costumi locali. Importante da sapere: non esiste il concetto di last minute in casa dei due operatori. Perché? Lo spiega Moltrer: “Semplice: anche se non dovessimo vendere tutti i posti dei nostri tour in piccoli gruppi abbiamo deciso di non applicare offerte last minute, pratica ormai oggi molto diffusa, che secondo noi ha portato molti danni al mondo del turismo. Fin dalla nostra nascita abbiamo cercato di educare il cliente a prenotare il viaggio in anticipo e non all’ultimo minuto. La promozione Prenota prima (valida per i nostri tour in piccoli gruppi) ha senso solo se successivamente non ci sono offerte last minute. Altrimenti una perdita d’immagine e serietà sarebbe inevitabile”. “Open Mind Consulting ha stretto un accordo importante con viaggigiovani.it, rinnovando quello già in essere con viaggiaconcarlo.com sulla base non solo di una comunità di intenti ma anche, se non soprattutto, di un concetto di turismo che intende essere nuovo, svincolato da luoghi comuni, da stereotipi ormai sorpassati – aggiunge la titolare di Open Mind Consulting, Angela Marini -. Nei due operatori abbiamo trovato spunti intensi, contenuti, serietà, attenzione all’ambiante. Per questo, con un team di tre persone guidato da Viorica Fait, nostra account manager e con il supporto di Nicole Ferrero, digital strategist dell’agenzia, daremo vita a una comunicazione integrata capace di dare la corretta awareness e il posizionamento che meritano queste due realtà, che poco e nulla hanno di commerciale ma molto di autentico e sincero”. [post_title] => Viaggigiovani.it e viaggiaconcarlo.com condividono il booking; la comunicazione va a Open Mind [post_date] => 2022-11-17T12:49:34+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668689374000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434291 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Allianz Partners ha esteso la partnership a livello mondiale con Iberia per altri tre anni. In tal modo i passeggeri della compagnia aerea spagnola residenti in tredici mercati europei potranno usufruire di soluzioni assicurative di viaggio; per i residenti di altri Paesi, compresi quelli dell’area America Latina, le soluzioni di protezione di viaggio saranno presto disponibili nel 2023. Tra i vantaggi inclusi rientra la protezione per annullamento viaggio, ritardi, mancate coincidenze, per prestazioni mediche d’emergenza all’estero e per il bagaglio. In alcuni Paesi, i clienti durante il viaggio potranno inoltre usufruire dei servizi di teleconsulto e della copertura per le malattie legate al Covid-19, incluse le prestazioni per emergenze mediche coperte dalla polizza, quarantena personale obbligatoria e negato imbarco per malattia sospetta. Per una maggiore tranquillità, Allianz Partners mette a disposizione dei clienti una linea telefonica di assistenza in viaggio attiva 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. I prodotti e i servizi di copertura del viaggio vengono offerti ai clienti di Iberia in fase di prenotazione del biglietto aereo tramite sito web, App mobile o i call center di Iberia, e sono forniti da Allianz Partners. “L’estensione della nostra storica partnership con Iberia per altri tre anni ci consente di sviluppare per i loro clienti soluzioni di assicurazione viaggio riconosciute a livello globale, con caratteristiche e coperture che garantiscono serenità per la nuova normalità post-pandemica – commenta Jean-Marc Pailhol, chief officer Global Strategic Partnerships and board member di Allianz Partners -. Questo conferma il nostro impegno a supportare, in tutto il mondo, i grandi vettori aerei e rappresenta un altro importante passo nel confermarci partner assicurativo leader per il settore aereo”. “Il nostro obiettivo è quello di offrire un’esperienza olistica ai nostri clienti, che includa tutti i servizi per accompagnarli durante il loro viaggio aereo – aggiunge Ignacio Valeros, director of revenue management di Iberia -, La nostra collaborazione con Allianz Partners consente loro di viaggiare in maniera semplice sapendo che, prima o durante il viaggio, sono protetti da un partner affidabile come Allianz Partners”.   [post_title] => Allianz Partners amplia l’accordo con Iberia a livello globale fino a dicembre 2025 [post_date] => 2022-11-17T11:42:48+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668685368000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434265 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo un’estate incoraggiante, anche la stagione autunno-inverno di Guiness Travel sta riscontrando un ottimo trend di prenotazioni. “Alcuni itinerari programmati per Capodanno sono già sold-out, altri ancora vicini al massimo riempimento, a prescindere dalla destinazione e dai giorni a disposizione – spiega Roberto Vocaturo, executive assistant product manager dell’operatore -. Anche per quanto riguarda il primo trimestre 2023 proseguono le vendite, approfittando di una ampia disponibilità di tour in Italia, Europa e mondo. La voglia di viaggiare e di trascorrere le festività altrove è molto forte, al netto di una situazione geopolitica e finanziaria ancora incerta”. Intercettare questa rinnovata tendenza a viaggiare diventa quindi la sfida più importante sul tavolo dei tour operator, da coniugare necessariamente con la parola chiave programmazione. In questo quadro si inserisce la realizzazione del nuovo catalogo il Viaggio Guiness 2023, che prenderà avvio dalla primavera del prossimo anno fino a marzo 2024. Il modello ispiratore è quello che l’operatore segue saldamente da 33 anni: itinerari con accompagnatore in partenza dall’Italia, con contingenti in allotment acquistati sui voli e sui servizi a terra e prezzi finali garantiti anche per prenotazioni sottodata. “La nostra filosofia di viaggio è ormai ben definita e, pur accogliendo le nuove esigenze e le domande del mercato, non si snatura né cede a compromessi – sottolinea Vocaturo -: molti itinerari, sottoposti a un’operazione mirata di restyling ma mantenendo la grande cura verso i dettagli e i contenuti culturali, si arricchiranno di degustazioni, cooking class, ottime combinazioni aeree e possibilità di match con viaggi in bus in partenza da tutta Italia”. Nuove destinazioni faranno il loro ingresso nel ventaglio dell’offerta Guiness, come per esempio l’arcipelago delle isole Canarie e un combinato Israele – Giordania Prestige di dieci giorni, che ambisce a diventare un best-seller nei viaggi a medio raggio.   [post_title] => In arrivo il nuovo catalogo il Viaggio Guiness 2023; Canarie, Israele e Giordania le novità [post_date] => 2022-11-17T09:47:12+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668678432000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434267 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Saudia aprirà il prossimo 7 dicembre la nuova rotta da Neom a Londra Heathrow, che diverrà così la seconda destinazione internazionale – dopo Dubai – collegata alla megalopoli dell’Arabia Saudita, progetto da 500 miliardi di dollari, nel nord-ovest del Paese. Londra sarà servita con un volo diretto alla settimana, operato da Boeing 787-9. La rotta, lunga 3.956 km, prevede un tempo di volo in direzione ovest di circa 5 ore e 40 minuti. Il collegamento da Neom a Dubai è stato inaugurato la scorsa estate e attualmente i voli  sono effettuati una volta alla settimana con Airbus A320. Saudia è oggi l’unico vettore a offrire un servizio commerciale da Neom Bay, avendo lanciato per la prima volta i voli nazionali dall’aeroporto nell’ottobre 2019. I piani per la costruzione di Neom rientra nel più ampio progetto della Saudi Vision 2030, un piano per ridurre la dipendenza dal petrolio e diversificare l’economia del Paese. Oltre al nuovo servizio per Londra Heathrow, la scorsa settimana Saudia ha confermato l’intenzione di riprendere i voli per Parigi Charles de Gaulle da AlUla, con voli bisettimanali, dal 4 dicembre al 12 marzo 2023. [post_title] => Saudia: Londra è la seconda destinazione internazionale collegata a Neom [post_date] => 2022-11-17T09:40:19+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668678019000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434258 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cresce la flotta di Azul grazie alla sigla di un ordine fermo per tre A330-900 che supporteranno l’ampliamento del network internazionale della compagnia aerea brasiliana, nonché di integrare le attuali operazioni con gli A330, portando a otto il totale di aeromobili A330neo.  Azul Linhas Aereas, che ha avviato le operazioni nel 2008, serve oggi 150 destinazioni in Brasile e opera collegamenti diretti verso Stati Uniti, Europa e Sud America. Il vettore ha ricevuto il primo A330neo delle Americhe nel 2019 e opera 12 aeromobili della Famiglia A330. Nelle prossime settimane Azul inizierà a operare quattro A350-900 per ampliare ulteriormente la propria offerta di rotte e beneficiare del concetto di “communalità” di Airbus. L’A330neo offre costi operativi più bassi e un’impronta ambientale ridotta grazie alla combinazione di tecnologie avanzate dell’A350 con motori Rolls-Royce Trent 7000 ad alta efficienza. Dotato della cabina Airspace, l’A330neo garantisce un’esperienza per i passeggeri ed efficienza operativa senza pari. In America Latina e nei Caraibi Airbus ha venduto oltre 1.150 aeromobili. Il portafoglio ordini supera i 500, con più di 700 aeromobili in funzione in tutta la regione, a rappresentare quasi il 60% della quota di mercato della flotta in servizio.  [post_title] => Azul amplia la flotta con un ordine fermo per altri tre Airbus A330-900 [post_date] => 2022-11-17T09:07:25+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668676045000 ) ) ) { “size”: 9, “query”: { “filtered”: { “query”: { “fuzzy_like_this”: { “like_text” : “tre sfumature di thailandia per il capodanno griffato kibotours” } }, “filter”: { “range”: { “post_date”: { “gte”: “now-2y”, “lte”: “now”, “time_zone”: “+1:00” } } } } }, “sort”: { “post_date”: { “order”: “desc” } } }{“took”:60,”timed_out”:false,”_shards”:{“total”:5,”successful”:5,”failed”:0},”hits”:{“total”:2586,”max_score”:null,”hits”:[{“_index”:”travelquotidiano”,”_type”:”post”,”_id”:”434386″,”_score”:null,”_source”:{“blog_id”:1,”post_content”:”Dopo un’estate in cui è stato riscontrato un raddoppio delle prenotazioni totali di ville e casali di pregio sul 2021, insomma, anche i primi indicatori sulle prossime vacanze natalizie fanno ben sperare. Sarà sicuramente un anno caratterizzato dai last minute, con soggiorni brevi e ricerca di maggiore flessibilità. Sono questi i primi segnali dall’Osservatorio di Emma Villas, azienda leader italiana nel settore del vacation rental (ossia affitti brevi di ville e tenute di pregio con piscina privata), sulle tendenze dei vacanzieri in vista delle imminenti festività natalizie.rnrnIl dato conferma la grande prevalenza degli italiani rispetto ai turisti stranieri, un fenomeno registrato già negli ultimi anni (per questo periodo dell’anno almeno un 80% delle prenotazioni proviene proprio dall’Italia). Stando ai primi numeri, 4 turisti su 5 sono italiani (38% residenti al Nord, 50% al Centro, 12% al Sud). Provengono soprattutto dal Lazio (in primis i romani per la loro voglia di evadere dalla città) e dalla Lombardia, con in testa i milanesi.rnrnLe regioni più scelte per trascorrere gli ultimi giorni dell’anno? Al primo posto c’è la Toscana, seguita da Umbria e Liguria. Gli abitanti del Bel Paese che stanno facendo questa scelta puntano su dimore di pregio per stare in famiglia, all’insegna del relax, anche se non mancano all’appello le coppie o i giovani. La voglia di stare insieme si traduce, soprattutto, nella richiesta di comfort quali l’ampio salone o soggiorno, un camino con legna in dotazione e spazi interni ludici come le sale biliardo oppure le aree benessere.rnrn«La villa sta diventando sempre di più la destinazione e il luogo ideale dove costruire ricordi unici, come quelli legati alle festività del Natale o Capodanno – spiega Giammarco Bisogno, Fondatore e CEO di Emma Villas srl – Si tratta di strutture con standard qualitativi alti: campi da tennis, aree benessere, sale hobby, a disposizione esclusiva del gruppo di ospiti e che consentono di accogliere famiglie o piccoli gruppi nella massima sicurezza e privacy. Ecco perché queste tipologie di residenze sono sempre più scelte come luogo dove trascorrere le vacanze. Un trend positivo che abbiamo già registrato quest’estate, malgrado le preoccupazioni dovute ai rincari. Siamo felici quindi che sempre più connazionali scelgano le nostre strutture, una conferma che ci rende orgogliosi del nostro costante sforzo per rendere le strutture Emma Villas location uniche, che offrono la possibilità di ospitare più di una famiglia e rappresenta la scelta ideale per coloro che desiderano coccolarsi nei comfort e festeggiare in serenità».”,”post_title”:”Natale e Capodanno, per Emma Villas le più richieste sono Toscana, Umbria e Liguria”,”post_date”:”2022-11-18T13:18:35+00:00″,”category”:[“incoming”],”category_name”:[“Incoming”],”post_tag”:[]},”sort”:[1668777515000]},{“_index”:”travelquotidiano”,”_type”:”post”,”_id”:”434377″,”_score”:null,”_source”:{“blog_id”:1,”post_content”:” TrentornrnTempo di bilanci per il turismo nel Trentino. Quasi tre milioni di arrivi e 11,5 milioni di presenze nell’estate 2022 nella regione. Sono questi i numeri presentati, in conferenza stampa, dall’assessore al turismo della provincia di Trento, Roberto Failoni, e dall’amministratore delegato di Trentino Marketing, Maurizio Rossini, sulla base dei dati Ispat.rnrn«È giusto parlare di stagione lunga: i dati vanno dal 1/o maggio al 31 di ottobre ed evidenziano un leggero aumento rispetto all’estate 2021, in cui si era investito nel turismo di prossimità, e un incremento dei turisti stranieri (un milione in più rispetto all’anno precedente)», ha detto Failoni. Per la precisione, vi sono stati 2.834.940 ospiti e 11.498.303 presenze certificate. Rispetto al 2019, definito da Rossini “anno record”, c’è un +6% degli arrivi e un +5% di presenze, mentre rispetto al 2015 si parla di un +29% degli arrivi) e un +20% delle presenze.rnrn«C’è stato un ritorno molto robusto su tutte le aree lacustri, lago di Garda in primis, ma non solo. È stato un anno record sia per presenze internazionali, che ammontano a 4.540.698, sia per gli ospiti italiani, che sono stati 6.957.605», ha detto Rossini.rnrnIl prossimo fine settimana prenderà invece il via la stagione invernale, con l’apertura dei Mercatini di Natale di Trento. «Ci auguriamo che le previsioni del tempo, che prevedono una nevicata la prossima settimana, possano dare il la agli arrivi», ha aggiunto Failoni.”,”post_title”:”Trentino: 3 milioni di arrivi durante l’estate 2022 (11,5 mln di presenze)”,”post_date”:”2022-11-18T12:01:44+00:00″,”category”:[“enti_istituzioni_e_territorio”],”category_name”:[“Enti, istituzioni e territorio”],”post_tag”:[]},”sort”:[1668772904000]},{“_index”:”travelquotidiano”,”_type”:”post”,”_id”:”434360″,”_score”:null,”_source”:{“blog_id”:1,”post_content”:”Il risparmio energetico è un’urgenza per gli albergatori; una priorità al pari della soddisfazione degli ospiti. Lo dichiarano sette strutture italiane su dieci tra quelle interpellate dal gruppo It Vda-Telkonet per il suo report Tecnologie nel settore dell’ospitalità 2023. La parola chiave è ottimizzazione, con una particolare attenzione ai processi operativi interni, per restituire valore al lavoro dei dipendenti risparmiando tempo e consumi. Gli albergatori italiani dichiarano di voler accedere a fondi pubblici e alle risorse del Pnrr soprattutto per rinnovare il proprio impianto tecnologico (78%). Guardando poi alla soddisfazione e al benessere dell’ospite, il 70% degli albergatori sostiene che, dopo la riduzione degli sprechi, è la tecnologia il fattore chiavo, contemplando sempre di più il trend in crescita del viaggiatore consapevole. Infine, si passa ai must-have tech in camera e l’interactive tv si rivela irrinunciabile (53%).rnrnL’indagine individua quindi le tre principali soluzioni tecnologiche preferite dagli albergatori per rispondere agli obiettivi prioritari di energy saving e guest satisfaction. Per l’83% dei partecipanti è il property management system (pms) lo strumento più apprezzato, perché consente la gestione centralizzata delle prenotazioni e dell’intero soggiorno degli ospiti da un’unica piattaforma. Subito dopo troviamo i sistemi di risparmio energetico (ems) al 78% e le soluzioni di gestione camera (grms) al 43%, che gli ospiti ritrovano sotto forma di placche a parete e termostati, in grado di controllare temperatura e luci.rnrnSe da un lato i sistemi green tech sono molto apprezzati dagli albergatori, perché consentono di gestire i consumi in base all’occupazione di camera, all’esposizione dell’edificio o al tasso di umidità esterno, dall’altro nell’indagine emergono le insidie operative che ne scoraggiano l’utilizzo. Tra queste troviamo la difficoltà di integrazione tra le diverse soluzioni tecnologiche (73%) e la manutenzione degli apparati che non possono essere gestiti in-house (43%).rnrn“Vogliamo creare consapevolezza su un buon utilizzo della tecnologia capace di migliorare le relazioni tra le persone e l’ambiente circostante – spiega il ceo di Vda-Telkonet, Piercarlo Gramaglia -. Ci troviamo di fronte a un’epoca di cambiamenti con l’urgenza di avere i consumi sotto controllo. Il mondo sta mutando così come i viaggiatori, oggi sempre più responsabili. Ed è per questo che, accanto al lavoro di monitoraggio del livello tecnologico delle strutture, abbiamo iniziato un racconto di viaggio con il progetto Bright Journey, per descrivere come la sostenibilità in hotel passi anche dall’utilizzo della tecnologia e per far sì che gli stessi hotel diventino una smart destination”.”,”post_title”:”Indagine Vda-Telkonet: la parola chiave per la tecnologia in hotel è ottimizzazione”,”post_date”:”2022-11-18T11:26:08+00:00″,”category”:[“alberghi”],”category_name”:[“Alberghi”],”post_tag”:[“nofascione”],”post_tag_name”:[“nofascione”]},”sort”:[1668770768000]},{“_index”:”travelquotidiano”,”_type”:”post”,”_id”:”434323″,”_score”:null,”_source”:{“blog_id”:1,”post_content”:”Dopo Blunet, con la recente integrazione di Via con Noi, è tempo del corporate travel di Cisalpina Tours, che ha iniziato un ambizioso programma di internazionalizzazione. Già partito con l’apertura del primo ufficio in Turchia, sarà seguito a breve da altri sviluppi a New York, in Brasile, in Sud Africa, in Francia, nel Regno Unito, in Germania, in Spagna e a Cipro. “Il tutto solo fino al prossimo maggio. Poi vedremo. E per il 2024 pensiamo anche all’Estremo Oriente”. E’ un fiume in piena il ceo del Gruppo Bluvacanze Domenico Pellegrino, che snocciola con entusiasmo progetti e investimenti della propria compagnia: “E’ finito il tempo della resilienza. Ora inizia quello della competizione positiva”.rnrnL’integrazione di Via con Noi funzionale allo sviluppo al Sud rnrnAnche l’integrazione di Via con Noi nel network per affiliazioni Blunet risponde a una logica di visione di lungo periodo, piuttosto che a un mero calcolo opportunistico: “La nostra reta, composita e articolata, aveva inizialmente una caratterizzazione prettamente settentrionale – racconta Pellegrino -. Da qualche tempo, però, avevamo intrapreso un percorso di espansione al Sud, che l’integrazione di Via con Noi va ulteriormente a rafforzare”. Una strada che si interseca anche con l’apertura della nuova sede Going a Napoli: “Abbiamo acquisito uno spazio di 790 metri quadrati destinato ad accogliere le varie attività del nostro gruppo. A partire dal nuovo team corporate travel griffato Cisalpina, che ha appena completato un’importante operazione di recruiting territoriale proprio al Sud”, rivela sempre Pellegrino.rnrnFatturato 2022 del gruppo a -30%-35% rispetto al 2019rnrnTutte iniziative che si inseriscono in un contesto di ritrovata fiducia, rafforzata anche dai numeri di un 2022 positivo, nonostante le tante sfide di un anno davvero complesso: “Siamo partiti con la variante Omicron – racconta Pellegrino -. Poi a febbraio è scoppiata la guerra in Ucraina. Infine c’è stato il caos dei voli in piena alta stagione. A fronte di ciò siamo comunque riusciti a registrare un fatturato leisure del 30%-35% inferiore all’anno pre-Covid 2019, che tutto sommato è un risultato lusinghiero. E per alcune linee di business è andata ancora meglio: Going ha raddoppiato il giro d’affari pre-Covid, mentre il corporate travel di Cisalpina è arrivato a quasi il 97% dei livelli raggiunti tre anni fa”.rnrnIl corporate travel è cambiato: si viaggia di meno ma si spende di piùrnrnUn dato per molti versi sorprendente, visto che molti davano ormai per defunto il segmento dei viaggi d’affari, dopo la proliferazione di riunioni, incontri e meeting online del biennio pandemico. “Certo, le dinamiche sono cambiate – rivela il ceo di Bluvacanze -. Il numero delle trasferte è diminuito, ma i viaggi sono più complessi e articolati, spesso dotati di budget superiori rispetto a prima. Noi poi abbiamo cercato di puntare su una clientela corporate di carattere internazionale, meno legata alle stagionalità”.rnrnAl mercato manca oggi all’appello circa il 20% delle agenziernrnAlla fine di anni tanto difficili, la luce si comincia insomma davvero a intravedere: “Per i primi sei mesi del 2023 rimarremo probabilmente ancora leggermente sotto ai numeri del pre-Covid, ma nella seconda parte dell’anno ritorneremo in linea e in generale i prossimi 12 mesi si aprono sotto le migliori prospettive”, sottolinea Pellegrino. Il mondo della distribuzione nel frattempo è ovviamente cambiato: “Al mercato manca oggi all’appello un 20% circa di agenzie – conclude il ceo -. Si tratta soprattutto di chi era già in difficoltà tre anni fa, o di chi semplicemente ha deciso di abbandonare il settore. Le adv che sono rimaste, però, hanno tirato fuori un’energia e una grinta sopite da tempo. Oggi ci interfacciamo con agenti estremamente reattivi, tanto che i nostri programmi di training vedono partecipazioni straordinarie. Per non parlare della nostra recente convention sulla Msc Bellissima, che è stata un vero successo”.”,”post_title”:”Pellegrino, Bluvacanze: “Il tempo della resilienza è finito. Ora si riparte””,”post_date”:”2022-11-18T09:15:48+00:00″,”category”:[“mercato_e_tecnologie”],”category_name”:[“Mercato e tecnologie”],”post_tag”:[“in-evidenza”],”post_tag_name”:[“In evidenza”]},”sort”:[1668762948000]},{“_index”:”travelquotidiano”,”_type”:”post”,”_id”:”434307″,”_score”:null,”_source”:{“blog_id”:1,”post_content”:”Nuova partnership tra viaggigiovani.it e viaggiaconcarlo.com, che hanno deciso di condividere il booking, pur lasciando perfettamente integri itinerari, programmazione, stile, modus operandi e, soprattutto, le guide e i referenti locali delle due rispettive realtà. Unico referente anche per la gestione della comunicazione: Open Mind Consulting aggiunge infatti anche Viaggigiovani alla collaborazione che dura già da anni con Viaggiaconcarlo.rnrn“Nostro principale obiettivo, fin dalla nostra fondazione, che risale al 2008, è stato quello di trasformare il costo del viaggio in valore aggiunto – spiega il titolare di viaggigiovani.it, Nicola Moltrer -: garantire sempre un plus e assecondare i nostri clienti in ogni necessità”. “Abbiamo portato per anni migliaia di persone nei luoghi più remoti ed estremi della Terra – gli fa eco il titolare di viaggiaconcarlo.com, Carlo Mamberto -, dando loro non solo ricordi da raccontare ma esperienze che in molti casi li hanno trasformati, lasciando tracce profonde in ognuno di essi. È questo il risultato migliore che chi fa il nostro mestiere possa sperare”.rnrnOltre 70 le destinazioni raggiunte tra entrambi i brand, proposte su base individuale e per piccoli gruppi, declinate in ottica green e responsabile, per preservare usi e costumi locali. Importante da sapere: non esiste il concetto di last minute in casa dei due operatori. Perché? Lo spiega Moltrer: “Semplice: anche se non dovessimo vendere tutti i posti dei nostri tour in piccoli gruppi abbiamo deciso di non applicare offerte last minute, pratica ormai oggi molto diffusa, che secondo noi ha portato molti danni al mondo del turismo. Fin dalla nostra nascita abbiamo cercato di educare il cliente a prenotare il viaggio in anticipo e non all’ultimo minuto. La promozione Prenota prima (valida per i nostri tour in piccoli gruppi) ha senso solo se successivamente non ci sono offerte last minute. Altrimenti una perdita d’immagine e serietà sarebbe inevitabile”.rnrn“Open Mind Consulting ha stretto un accordo importante con viaggigiovani.it, rinnovando quello già in essere con viaggiaconcarlo.com sulla base non solo di una comunità di intenti ma anche, se non soprattutto, di un concetto di turismo che intende essere nuovo, svincolato da luoghi comuni, da stereotipi ormai sorpassati – aggiunge la titolare di Open Mind Consulting, Angela Marini -. Nei due operatori abbiamo trovato spunti intensi, contenuti, serietà, attenzione all’ambiante. Per questo, con un team di tre persone guidato da Viorica Fait, nostra account manager e con il supporto di Nicole Ferrero, digital strategist dell’agenzia, daremo vita a una comunicazione integrata capace di dare la corretta awareness e il posizionamento che meritano queste due realtà, che poco e nulla hanno di commerciale ma molto di autentico e sincero”.”,”post_title”:”Viaggigiovani.it e viaggiaconcarlo.com condividono il booking; la comunicazione va a Open Mind”,”post_date”:”2022-11-17T12:49:34+00:00″,”category”:[“tour_operator”],”category_name”:[“Tour Operator”],”post_tag”:[]},”sort”:[1668689374000]},{“_index”:”travelquotidiano”,”_type”:”post”,”_id”:”434291″,”_score”:null,”_source”:{“blog_id”:1,”post_content”:”Allianz Partners ha esteso la partnership a livello mondiale con Iberia per altri tre anni. In tal modo i passeggeri della compagnia aerea spagnola residenti in tredici mercati europei potranno usufruire di soluzioni assicurative di viaggio; per i residenti di altri Paesi, compresi quelli dell’area America Latina, le soluzioni di protezione di viaggio saranno presto disponibili nel 2023. Tra i vantaggi inclusi rientra la protezione per annullamento viaggio, ritardi, mancate coincidenze, per prestazioni mediche d’emergenza all’estero e per il bagaglio.rnIn alcuni Paesi, i clienti durante il viaggio potranno inoltre usufruire dei servizi di teleconsulto e della copertura per le malattie legate al Covid-19, incluse le prestazioni per emergenze mediche coperte dalla polizza, quarantena personale obbligatoria e negato imbarco per malattia sospetta. Per una maggiore tranquillità, Allianz Partners mette a disposizione dei clienti una linea telefonica di assistenza in viaggio attiva 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.rnI prodotti e i servizi di copertura del viaggio vengono offerti ai clienti di Iberia in fase di prenotazione del biglietto aereo tramite sito web, App mobile o i call center di Iberia, e sono forniti da Allianz Partners.rn”L’estensione della nostra storica partnership con Iberia per altri tre anni ci consente di sviluppare per i loro clienti soluzioni di assicurazione viaggio riconosciute a livello globale, con caratteristiche e coperture che garantiscono serenità per la nuova normalità post-pandemica – commenta Jean-Marc Pailhol, chief officer Global Strategic Partnerships and board member di Allianz Partners -. Questo conferma il nostro impegno a supportare, in tutto il mondo, i grandi vettori aerei e rappresenta un altro importante passo nel confermarci partner assicurativo leader per il settore aereo”.rn”Il nostro obiettivo è quello di offrire un’esperienza olistica ai nostri clienti, che includa tutti i servizi per accompagnarli durante il loro viaggio aereo – aggiunge Ignacio Valeros, director of revenue management di Iberia -, La nostra collaborazione con Allianz Partners consente loro di viaggiare in maniera semplice sapendo che, prima o durante il viaggio, sono protetti da un partner affidabile come Allianz Partners”.rn “,”post_title”:”Allianz Partners amplia l’accordo con Iberia a livello globale fino a dicembre 2025″,”post_date”:”2022-11-17T11:42:48+00:00″,”category”:[“mercato_e_tecnologie”],”category_name”:[“Mercato e tecnologie”],”post_tag”:[]},”sort”:[1668685368000]},{“_index”:”travelquotidiano”,”_type”:”post”,”_id”:”434265″,”_score”:null,”_source”:{“blog_id”:1,”post_content”:”Dopo un’estate incoraggiante, anche la stagione autunno-inverno di Guiness Travel sta riscontrando un ottimo trend di prenotazioni. “Alcuni itinerari programmati per Capodanno sono già sold-out, altri ancora vicini al massimo riempimento, a prescindere dalla destinazione e dai giorni a disposizione – spiega Roberto Vocaturo, executive assistant product manager dell’operatore -. Anche per quanto riguarda il primo trimestre 2023 proseguono le vendite, approfittando di una ampia disponibilità di tour in Italia, Europa e mondo. La voglia di viaggiare e di trascorrere le festività altrove è molto forte, al netto di una situazione geopolitica e finanziaria ancora incerta”.rnrnIntercettare questa rinnovata tendenza a viaggiare diventa quindi la sfida più importante sul tavolo dei tour operator, da coniugare necessariamente con la parola chiave programmazione. In questo quadro si inserisce la realizzazione del nuovo catalogo il Viaggio Guiness 2023, che prenderà avvio dalla primavera del prossimo anno fino a marzo 2024. Il modello ispiratore è quello che l’operatore segue saldamente da 33 anni: itinerari con accompagnatore in partenza dall’Italia, con contingenti in allotment acquistati sui voli e sui servizi a terra e prezzi finali garantiti anche per prenotazioni sottodata.rnrn“La nostra filosofia di viaggio è ormai ben definita e, pur accogliendo le nuove esigenze e le domande del mercato, non si snatura né cede a compromessi – sottolinea Vocaturo -: molti itinerari, sottoposti a un’operazione mirata di restyling ma mantenendo la grande cura verso i dettagli e i contenuti culturali, si arricchiranno di degustazioni, cooking class, ottime combinazioni aeree e possibilità di match con viaggi in bus in partenza da tutta Italia”. Nuove destinazioni faranno il loro ingresso nel ventaglio dell’offerta Guiness, come per esempio l’arcipelago delle isole Canarie e un combinato Israele – Giordania Prestige di dieci giorni, che ambisce a diventare un best-seller nei viaggi a medio raggio.rnrn “,”post_title”:”In arrivo il nuovo catalogo il Viaggio Guiness 2023; Canarie, Israele e Giordania le novità”,”post_date”:”2022-11-17T09:47:12+00:00″,”category”:[“tour_operator”],”category_name”:[“Tour Operator”],”post_tag”:[]},”sort”:[1668678432000]},{“_index”:”travelquotidiano”,”_type”:”post”,”_id”:”434267″,”_score”:null,”_source”:{“blog_id”:1,”post_content”:”Saudia aprirà il prossimo 7 dicembre la nuova rotta da Neom a Londra Heathrow, che diverrà così la seconda destinazione internazionale – dopo Dubai – collegata alla megalopoli dell’Arabia Saudita, progetto da 500 miliardi di dollari, nel nord-ovest del Paese. Londra sarà servita con un volo diretto alla settimana, operato da Boeing 787-9. La rotta, lunga 3.956 km, prevede un tempo di volo in direzione ovest di circa 5 ore e 40 minuti.rnrnIl collegamento da Neom a Dubai è stato inaugurato la scorsa estate e attualmente i voli  sono effettuati una volta alla settimana con Airbus A320.rnrnSaudia è oggi l’unico vettore a offrire un servizio commerciale da Neom Bay, avendo lanciato per la prima volta i voli nazionali dall’aeroporto nell’ottobre 2019. I piani per la costruzione di Neom rientra nel più ampio progetto della Saudi Vision 2030, un piano per ridurre la dipendenza dal petrolio e diversificare l’economia del Paese.rnrnOltre al nuovo servizio per Londra Heathrow, la scorsa settimana Saudia ha confermato l’intenzione di riprendere i voli per Parigi Charles de Gaulle da AlUla, con voli bisettimanali, dal 4 dicembre al 12 marzo 2023.”,”post_title”:”Saudia: Londra è la seconda destinazione internazionale collegata a Neom”,”post_date”:”2022-11-17T09:40:19+00:00″,”category”:[“trasporti”],”category_name”:[“Trasporti”],”post_tag”:[]},”sort”:[1668678019000]},{“_index”:”travelquotidiano”,”_type”:”post”,”_id”:”434258″,”_score”:null,”_source”:{“blog_id”:1,”post_content”:”Cresce la flotta di Azul grazie alla sigla di un ordine fermo per tre A330-900 che supporteranno l’ampliamento del network internazionale della compagnia aerea brasiliana, nonché di integrare le attuali operazioni con gli A330, portando a otto il totale di aeromobili A330neo. rnrnAzul Linhas Aereas, che ha avviato le operazioni nel 2008, serve oggi 150 destinazioni in Brasile e opera collegamenti diretti verso Stati Uniti, Europa e Sud America. Il vettore ha ricevuto il primo A330neo delle Americhe nel 2019 e opera 12 aeromobili della Famiglia A330. Nelle prossime settimane Azul inizierà a operare quattro A350-900 per ampliare ulteriormente la propria offerta di rotte e beneficiare del concetto di “communalità” di Airbus.rnrnL’A330neo offre costi operativi più bassi e un’impronta ambientale ridotta grazie alla combinazione di tecnologie avanzate dell’A350 con motori Rolls-Royce Trent 7000 ad alta efficienza. Dotato della cabina Airspace, l’A330neo garantisce un’esperienza per i passeggeri ed efficienza operativa senza pari.rnrnIn America Latina e nei Caraibi Airbus ha venduto oltre 1.150 aeromobili. Il portafoglio ordini supera i 500, con più di 700 aeromobili in funzione in tutta la regione, a rappresentare quasi il 60% della quota di mercato della flotta in servizio. “,”post_title”:”Azul amplia la flotta con un ordine fermo per altri tre Airbus A330-900″,”post_date”:”2022-11-17T09:07:25+00:00″,”category”:[“trasporti”],”category_name”:[“Trasporti”],”post_tag”:[]},”sort”:[1668676045000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti

[]Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

[]”https://www.travelquotidiano.com/tour_operator/tre-sfumature-di-thailandia-per-il-capodanno-griffato-kibotours/tqid-434050″

[]Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

[]Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

[]La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.