........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 

Calvarese a CF: «Ecco quanto guadagna un arbitro in Champions League» #adessonewsitalia


Gianpaolo Calvarese, ex arbitro di serie A con all’attivo più di 300 gare nella massima serie considerando tutti i ruoli (arbitro, VAR e arbitro addizionale), è ora imprenditore nell’azienda di famiglia che produce integratori sportivi naturali Aperegina. Inoltre ogni mercoledì sera di Champions League è parte della scuderia di Amazon Prime Video per commentare nella Var Room il match trasmesso dal broadcaster in Italia. 

L’ex direttore di gara teramano, dopo alcuni interventi su Calcio e Finanza, ha deciso di proseguire la collaborazione con la nostra testata inviando un contributo sulle cifre dei compensi per gli arbitri in Champions League. 

Mio padre mi ha sempre ripetuto quanto fosse importante studiare e io l’ho fatto fino a 38 anni, conseguendo anche un dottorato di ricerca dopo la laurea. Mi diceva sempre di studiare, tra i vari motivi, anche perché nella vita ti pagano per due ragioni: o perché fai cose che sai fare solo tu – come, ad esempio, i grandi fuoriclasse della nostra epoca, Cristiano Ronaldo e Messi – oppure perché ti assumi delle responsabilità che hanno un grande peso specifico, ma per assumere decisioni che valgono tanto bisogna avere le spalle grandi dovute alla conoscenza. Ed è questo il motivo per cui un arbitro percepisce un buono stipendio.

Per la precisione, almeno per quanto riguarda i gettoni a partita, 4mila euro ogni partita di Serie A, 2mila una di Serie B. Un direttore di gara durante il suo primo anno nella massima serie percepisce anche 20.000 euro per i diritti d’immagine, che vanno poi a salire con il passare delle gare (30mila prima delle 50 partite, poi 60mila, fino ad arrivare a 90mila per gli arbitri FIFA ed ex FIFA). Ma quanto percepisce invece in Champions League?

Un arbitro élite come Daniele Orsato, ad esempio, percepisce per una gara come Barcellona-Bayern Monaco disputata ieri circa 6mila euro, quota che va divisa in due parti:

  • una che si riferisce al gettone di presenza;
  • l’altra che è una sorta di rimborso spese, la “diaria”

Si tratta più o meno come quello che accade in Serie A dove gli arbitri sono pagati per una quantità fissa di diritti d’immagine e poi per una quota variabile, il gettone di presenza che varia tra la Serie A e la Serie B.

Un compenso superiore a quello dei suoi assistenti impegnati nella medesima partita. I due assistenti, così come il Var e l’Avar, guadagnano insieme a coppia per intenderci quasi 6000 euro, spicciolo più spicciolo meno. La stessa somma la percepisce invece interamente solo un arbitro. Ma la sostanza non cambia: un direttore di gara viene pagato certamente di più di tutti e due gli assistenti ma anche di Var e Avar messi insieme.

Come mai questa apparente sproporzione? Forse perché un arbitro corre di più di un suo assistente (10/12 km contro magari 4/5)? Ovviamente no. Oppure perché fisicamente ci mette la faccia? E non è solo un modo di dire: le telecamere riprendono sempre lui nei momenti topici di una partita o durante un episodio dubbio. Mentre spesso gli assistenti restano “all’ombra” delle riprese, in 90 minuti i tifosi ma anche i semplici appassionati conoscono alla perfezione i connotati di un direttore di gara, e sanno quindi magari poi riconoscerlo in altre occasioni. E se quest’ultimo commette un errore, un tifoso non gliela perdonerà anche nei match successivi in cui arbitrerà la sua squadra del cuore. Mentre appunto, un assistente, più difficilmente viene ricordato per un errore.

Questa sproporzione nel compenso è giustificata così dal fatto che un direttore di gara ha lo scettro della decisione finale sul manto verde, ha la responsabilità cioè di ogni decisione presa durante un match. Un peso specifico enorme, ma che un direttore di gara si assume ogni volta che scende in campo.

Nonostante il VAR abbia cambiato il calcio e sicuramente si sia preso su di sé una grossa fetta di responsabilità nelle situazioni cruciali, comunque il cerino della decisione finale resta nelle mani dell’arbitro. Ciò gli è stato ampiamente riconosciuto e voluto dalla UEFA e dalla FIFA: la centralità dell’arbitro in campo non va messa in discussione.

Ed è per questo motivo, proprio per questo suo ruolo centrale, fondamentale e primario che viene pagato più degli altri: perché, come dice mio padre, si assume una grande responsabilità.

IMPORTANTE: In qualità di Affiliato Amazon, Calcio e Finanza riceve un guadagno dagli acquisti idonei. Calcio e Finanza riceve una commissione per ogni utente, con diritto di usufruire del periodo gratuito di 30 giorni di Amazon Prime, che da www.calcioefinanza.it si iscrive a Prime attraverso PrimeVideo.com. Registrandoti ad Amazon Prime Video attraverso il precedente link puoi pertanto contribuire a sostenere il progetto editoriale di Calcio e Finanza. Grazie.

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://www.calcioefinanza.it/2022/10/27/quanto-guadagna-arbitro-champions-league/”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.